Archivi tag: THESPEWER

The joy of teaching making a difference in student learning

Cari amici,

volevo dedicare questo post ad un argomento a cui tengo tantissimo e che esula completamente dai miei risultati e dalle mie avventure di grinder: L’insegnamento.

Tutto è partito a Settembre del 2011, quando  mi sono avvicinato all’idea del “Coaching” grazie al supporto e la fiducia dei miei coach (x chi non lo sapesse Giada Catsniper ed Andrea Caf) che mi hanno concesso il privilegio e l’onore di poter seguire alcuni dei loro stackati che giocavano i micro-limiti dei 27 men. L’esperimento ha dato discreti risultati per cui ad inizio anno ho deciso di investire maggior tempo ed energie in questo nuovo progetto. L’idea di Insegnare e di poter trasferire ciò che ho appreso, nella mia pur modesta esperienza di grinder, non pensavo francamente mi potesse dare così tante gioie e soddisfazioni. E’ ovvio che tutto ciò va rapportato al mio non  eccellente bagaglio di conoscenze tecniche che però, se pur modesto, ha portato e sta portando discreti frutti. In vero penso che detti risultati siano maggiormente il beneficio del grande entusiasmo che ho profuso in questa sfida, ma, soprattutto, credo che derivino dalle splendide persone che ho avuto (ed ho tutt’ora) il privilegio di avere come allievi. Per cui ho deciso di dedicare a loro questo post illustrandovi i risultati da loro conseguiti. Nel grafico ho deciso di menzionare solo i “best winner”. Ciò senza togliere merito alcuno a coloro che non hanno ancora fatto altrettanto bene ma che sono sicuro riusciranno, attraverso l’impegno e lo studio (e ad una sfiga minore 🙂 ), ad eguagliare o a superare detti risultati. Bene, per ora è tutto… Ma mi raccomando… Stay Tuned!

Mia Pos Attuale


New Year’s Day

Ed eccomi qui.

Questo dovrebbe essere, in teoria, il giorno in cui  come tutti, dovrei fare un bel resoconto dell’anno appena trascorso. Analizzare quanto sono stato fortunato o sfortunato, prendermela con qualsiasi cosa per ciò che desideravo e che non si è realizzato e prodigarmi in una lunga ed entusiasmante lista di buoni propositi per questo nuovo anno (2012, che pare dovremo vivere alla grande… Perché poi, a Dicembre, faremo il grande botto secondo i Maya 😀 ) ed augurare a me e a tutti che sia l’anno decisivo, quello bello, quello felice.

Invece per me il 2011 si conclude con il conseguimento di un traguardo per me denso di significati, carico di emozioni, ricco di esperienze inspiegabili. Ed è stato sicuramente “un buon anno” a livello pokeristico.

So che la strada è ancora lunga e che magari questo è solo uno degli obiettivi. Ma la gioia che ho provato  nel raggiungere un traguardo tanto agognato e ambito è stata proprio tanta.

Mi viene in mente una frase

 “L’importante non è quello che trovi alla fine di una corsa, l’importante è quello che provi mentre corri”

Vorrei spiegare a voi tutti cosa è significato per me questo anno, cosa ho provato, cosa sono stato disposto a guadagnare e a perdere, quali e quanti sono stati i sacrifici per una scelta fatta in un mondo a volte malvisto, tanto criticato… Ma che ho voluto fare mio, in cui alla fine ho creduto e che mi ha dato più di qualunque altra cosa al mondo.

Le aspettative sono state di gran lunga superate, le sofferenze tante… Ma anche quelle me le porto dentro come un dono caro che mi hanno fatto crescere, imparare.

Dedico questo anno e questo mio traguardo raggiunto alle persone che hanno creduto in me, a quelle che mi hanno sorretto, che mi sono state accanto nonostante tutto.  A chi, nonostante io stesso avessi dei dubbi, mi incitava a continuare, a puntare in alto, a prendermi solo il meglio….Voglio dire grazie a queste persone perché avevano ragione loro.

Un grazie dovuto, un grazie sentito, un grazie dal cuore.

Ringrazio tutti quelli, che hanno reso speciale il mio 2011.

Grazie a chi mi ha letto, e a chi mi ha apprezzato e anche criticato.

A chi con pazienza ha sopportato la mia ansia e compreso la mia emozione.

Al mio amico Paolo Gualdi: un uomo capace di estirpare frammenti di umiltà dall’animo umano attraverso il calore delle sue parole. A lui devo un grazie per la spinta a dover continuare ed insistere… E che non ho mai dimenticato nonostante la sua assenza.

Al mio amico e coach Emiliano Franco: Una persona per cui ringrazio il cielo ogni giorno per avermelo fatto incontrare. Un grande coach dal quale ho imparato tanto , diventato per me poi un amico carissimo a cui devo talmente tanto che tutto il mio tempo o qualunque mio gesto non potrà mai colmare il profondissimo senso di gratitudine che ho nei suoi confronti. Grazie per aver illuminato la mia vita sia pokeristica che non.

Ad Andrea e Giada:  una coppia che adoro, che hanno creduto in me, mi hanno dato i mezzi per iniziare questa mia avventura. E che mi hanno insegnato con molta attenzione e pazienza come fare le cose. A loro devo dire Grazie perché da quel giorno in cui li ho incontrati sul mio cammino ho capito che il mio sogno si sarebbe potuto realizzare. Grazie mille dei consigli che mi avete dato, siete grandi. Con l’augurio che i nostri incontri di lavoro continuino con così grande amicizia e collaborazione.

A tutti voi che state leggendo dico:

Grazie del bene che mi volete… Grazie del sorriso che mi date… Grazie dell’affetto che provate… E grazie anche se pensate che io sia un pazzo o un egocentrico 😀

Vi sono profondamente grato per tutto.

Ma lo dedico anche a chi non ci credeva in fondo. A chi pensa che tutto sia o sia stato tempo perso… A chi in me non ci avrebbe scommesso a chi per invidia può aver cercato in qualche modo di ostacolarmi.

Buon 2012 a tutti.


15 Days Left

Faccio un breve aggiornamento quando mancano 15 giorni alla fine di questo 2011. 

Prima di passare ai grafici gradirei spendere 2 parole parlando della situazione attuale sia mia che dei grinders dei “27 men”.

Devo dire, in tutta sincerità, che, nonostante le voci che sento in giro nei vari forum che sostengono che il field dei “27 men” sia molto soft, a mio parere, il field dei “27 men” è diventato abbastanza impegnativo. Ho contato circa una cinquantina di reg sparsi per i vari level buy in (dai 3 ai 30€) e anche se + della metà di loro non studia quanto dovrebbe, ritengo che cmq codesti signori riducano di gran lunga l’edge (e di conseguenza l’Hero Equity) ai tavoli che, all’inizio dell’anno, erano composti per lo + da “Omini Rndm”.

Pertanto, ritengo, alla luce di questi cambiamenti, che per fare un buon profitto nell’anno prossimo, vadano studiati con cura i dati di detti reg. Secondo il mio modesto parere, riuscire a killare i “reg che non studiano” sarà quasi ev+ quanto killare i fish rndm che popolano i 27. Pertanto impegnerò gli ultimi giorni dell’anno a studiare il + possibile i dati a mia disposizione sui reg del field e penso che questo sarà un argomento imprescindibile se si pensa di voler trarre profitto il prossimo anno in detto field.

Ciò detto passo a mostrarvi un pò di Grafici.

Last 5 k sit Results

Last 5 k sit Reports

Shark over 10k achieved

Miss To Supernova Status

Infine, anche se per molti potrà essere cosa di poco conto, per me è motivo di grande orgoglio e soddisfazione mostrare i risultati di due dei ragazzi che seguo, per conto del grande Andrea Caf Striparo, e che giocano i “27 men” nel field a level buy in 3/5€. E’ ovvio che il numero di sit giocati non ha valenza in termini di riscontri accurati, ma come si suol dire… Chi ben comincia è già a metà dell’opera 🙂

Un saluto a tutti voi che seguite il Blog Dello Spewone! E mi raccomando

Stay Tuned!